Monday, 21 October, 2019

Notizie flash livorno


Notizie flash livorno

Numerosi i giovanissimi, iscritti a materne e nidi, non vaccinati. Salvo evoluzioni normative, tali bambini rischiano, a marzo, di essere esclusi dagli asili. Il punto del sindaco di Livorno Nogarin.

Da questo lunedì 6 ottobre, in Piazza Cavallotti, riposizionamento di alcuni banchi. Spostati 6 banchi di frutta e verdura da via Santa Giulia e via del Giglio per garantire il passaggio dei mezzi di soccorso.

Due sportelli comunali dedicati aperti mattina e pomeriggio per i danni dell’alluvione del 10 settembre. Distribuiti oltre 3000 moduli di ricognizione, 2275 nel solo Comune di Livorno. Fondamentale il contributo del volontariato. Riconsegna entro il 16 ottobre in via Nardini o per email
Continua senza sosta da parte degli uffici comunali di Livorno, grazie anche al contributo delle numerose associazioni attive sul territorio, la consegna della modulistica (Scheda B) di ricognizione dei danni al patrimonio edilizio privato provocati dall’alluvione del 10 settembre e del relativo vademecum. C’è tempo ancora una settimana infatti (fino alle ore 17 di lunedì 16 ottobre) per compilare il modulo in tutte le sue parti e riconsegnarlo secondo le modalità individuate dal Commissario per l’Emergenza (direttamente agli uffici di via Nardini, nella sede del Genio Civile, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17

Sono state numerose le associazioni e le società sportive che il 10 settembre pesantemente danneggiate dal nubifragio che si è tragicamente abbattuto su Livorno. Associazioni che in questi giorni di raccolta dei moduli per segnalare i danni si sono trovate però scoperte, senza aiuti: le schede della protezione civile nazionale sono infatti rivolte solo alle famiglie e alle imprese, perché a oggi per le onlus non sono previsti risarcimenti. La stessa vicesindaca

Automobilisti ‘furbetti’: ecco cosa ‘inventano’ per nascondere le targhe ed entrare nelle zone Ztl della città. Durante l’ultimo fine settimana, nel quartiere della Venezia, 29 multe per chi ha parcheggiato in tale zona, senza averne diritto.
Sono sempre più frequenti i casi di automobilisti indisciplinati e ‘furbetti’ che, nelle zone Ztl, per evitare sanzioni, nascondono la propria targa all’occhio della telecamera. Alcuni residenti del quartiere di Venezia hanno notato ad esempio due persone, con volto coperto, intente a spingere l’autovettura stando davanti alla targa, celandola di fatto con il proprio corpo, per poi entrare all’interno della zona vietata a partire dalle 20. In un altro caso, si è vista un’auto capace di eludere l’occhio elettronico della telecamera nascondendo la targa sotto ad un sacco della spazzatura. Il fenomeno non è facile da stroncare, anche se non mancano multe elevate a quegli automobilisti che parcheggiano all’interno delle zone Ztl del quartiere della Venezia, senza permesso. Durante l’ultimo fine settimana, elevate 29 sanzioni di questo tipo. FABIO GIORGI